Archivi tag: Valori

di chi è la Vita?

Standard

L’altro giorno mi sono posta questo interrogativo: “di chi è la Vita?”…

Con una mia amica sono andata a trovare una donna che ha portato alla luce, una nuova vita…meraviglioso?MMMMMMM non lo so se è così meraviglioso…La nuova Vita è stata creata attraverso l’inseminazione artificiale, in una clinica estera ed il seme del donatore è stato scelto su un “book”….io sono stata scettica nel proferire commenti finchè non ho visto quella giovanissima Vita…un bambino…senza dentini, con le manine piccolepiccole, con gli occhioni chiari, con pochi pochi capelli, con quell’odore di bimbo, misto di cremina e talco…lui che nulla ha chiesto e nulla sa…e se ne sta nel suo seggiolino a guardare tutti con gli occhioni sbarrati…mentre sua madre racconta, credendo probabilmente di essere spiritosa, di come esce di rado, perchè è sola, mentre chiede ad un’amica se è meglio chiamare il fruttivendolo per farsi portare la frutta a casa o mandare lei…

Non mi sono mai intristita guardando una nuova Vita…quella piccola creaturina indifesa mi ha fatto stringere il cuore, mi sono sentita investita da un’onda di tristezza e di rabbia e di tenerezza…tenerezza per il bambino, rabbia per l’egoismo di quella donna…

Non è mia intenzione fare un simposio sulla procreazione artificiale, se sia opportuno o no, quello che mi è venuto subito in mente guardando l’innocenza di quel bambino è stato: cosa gli dirà a proposito di suo padre? E senza una figura maschile nella propria vita, come crescerà? La madre si è preoccupata del LICEO dove lo iscriverà…

Un conto è avere problemi nel restare incinta e ricorrere a metodi non naturali, ma forzare la Vita in questa maniera, per chi è giusto?Per l’egoismo della madre…Non venite a dirmi che è giusto per la nuova Vita, perchè come tutti i bambini, non chiedono di venire al Mondo!

Per me che sono cristiana, la Vita e la Morte sono nelle mani di Dio, Lui sa…Lui conosce.

Ci sono tante tantissime persone che non credono in Dio, ma si chiedono per quale motivo mettono al mondo un bambino così? Ed è questo essere madre? Mettere al mondo una creatura sforzandosi che sia “normale” farlo crescere da solo, senza un padre, rabbattando l’idea di famiglia che alla fine non esiste.

Anche io che non ho figli, sento quell’istinto materno che fa parte della mia natura di donna, ma ho sempre creduto che per essere MADRE non fosse essenziale generare una creatura, si può essere madre, pur non avendo figli propri, si può essere madre anche in un gesto verso un bimbo sconosciuto incontrato all’incrocio di una strada, a cui si offre da mangiare piuttosto che dargli i soldi che andranno nelle tasche del suo sfruttatore. Si può essere madre compiendo gesti che proteggono i piccoli, nel lavoro, nel volontariato. Si può essere madri percorrendo un po’ di strada cn una bambina che ha perso la fiducia, indicandole la Via.

Invece l’altro giorno ho visto e sentito come si può essere madre nel peggiore dei modi: decidendo che si DEVE procreare, andando in un paese straniero, restare incinta di un personaggio scelto su un book, come se si scegliesse un surgelato alla bo-frost e condannandolo a vivere senza una famiglia…tutto ciò perchè si è deciso che a 40 anni è il tempo massimo per procreare e chisenefrega se non si ha un compagno, un Amore, tanto c’è la tecnologia che viene in soccorso..ed il bisogno è appagato.

 

..però non trattenerti mai….

Standard

 

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni.

Però ciò che é importante non cambia;
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito e` la colla di qualsiasi tela di ragno.

Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea di partenza.
Dietro ogni successo c`e` un`altra delusione.

Fino a quando sei viva, sentiti viva.
Se ti manca cio` che facevi, torna a farlo.
Non vivere di foto ingiallite…
insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.

Non lasciare che si arruginisca il ferro che c`e` in te.
Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.

Quando a causa degli anni
non potrai correre, cammina veloce.
Quando non potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Pero` non trattenerti mai!

MADRE TERESA DI CALCUTTA

Sposato o no, solo l’egoista fallisce la sua vita

Standard

Sul tuo cammino, non hai mai incontrato l’ “anima gemella”.

Chi sei tu?

Per i tuoi genitori, se vivi con loro, un bambino “hai chiuso bene la porta?”. “Non hai ancora spento la luce”. “C’è posta per te: una lettera di…” “Non pettinarti a quel modo!”.

Per gli altri, una “zitella”: “è un vero peccato, non ha trovato ad accasarsi”.

Per te, troppo spesso, una fallita.

Tu non sei un “mancato” perché, tu celibe, devi realizzare la tua unione e la tua fecondità ai livelli superiori. Tu sei chiamato ad un equilibrio e ad un compito più difficile, ma più profondo e più fecondo.

La propria vocazione è sempre, per ognuno di noi, la migliore e la più bella.

E’ STERILE, SOLO CHI VIVE SENZA AMORE. L’AMORE E’ SEMPRE PORTATORE E CREATORE DI VITA.

NON HA IMPORTANZA LO STATO IN CUI TI TROVI. AMA E DONERAI LA VITA.

Non sei stato tu a scegliere la tua solitudine, sono state le circostanze ad importela. Fintanto che la subirai, tu non la vivrai. Se vuoi conoscere la gioia della donazione e della fecondità, è necessario che tu la accetti aderendovi liberamente.

Ciò che da lungo tempo ti fa soffrire, è l’incertezza in cui ti trovi a riguardo della tua vocazione. Debbo ancora sognare un focolare? Debbo pensare a tutta la mia vita in funzione del celibato?

Non c’è vita che sia definita in partenza, i talenti di ciascuno, gli avvenimenti permessi da Dio orientano le esistenze.

E’ nella notte che dobbiamo decifrare le lettere d’amore del Signore. Chi è più duro legge più sveltamente, chi è più distaccato commette il minor numero di errori nell’interpretare il testo e nell’applicarlo.

Vivi nel presente, sii disponibile.

Non è detto che due giovani che reciprocamente si piacciono, debbano necessariamente sposarsi. L’affetto sensibile, è un segno che preso isolatamente non è affatto determinante.

Non è detto che perché tu desideri ardentemente di sposarti, che tu necessariamente debba sposarti; l’attrattiva non è, tra gli altri, che uno degli elementi che si accompagna alla vocazione di ciascuno. Diffida dalla tua immaginazione. In sogno, è facile mettere su famiglia; in sogno nulla di più facile che educare i figli.

Tolte alcune apparenze rassicuranti, nessun uomo conosce la sua vera fecondità.

Donna non sposata, il Signore ha bisogno di te, donna disponibile, per essere madre dell’umano in un Mondo non umano.

In mezzo agli smarrimenti che accompagnano ogni esistenza, lasciati guidare dallo Spirito:

Se tu sai riconoscere la tua debolezza,

rimanere vigilante e povera,

rispondere ai Suoi inviti,

attraverso gli avvenimenti, Egli ti indicherà la strada.

Dopo un lungo cammino. Fermati. Guarda la strada. Allora comprenderai perchè Dio lo aveva riservato in modo speciale a te e con semplicità gli dirai GRAZIE.

Non è molto ragionevole…

Standard

Quando qualcuno sta ritto davanti al sole, nessuno può scorgere i tratti del suo viso, ma soltanto una forma scura, alonata di luce. Così, se vi guardate l’un l’altr al solo lume della vostra sensibilità, non cogliete di voi che un’ombra vaga, ma dorata.

Non è molto ragionevole.

Se un bello sconosciuto batte molto forte alla porta del vostro cuore, e voi gli dite: entra da me!senza preoccuparvi…di uscir di casa e di far conoscenza.

Non è molto ragionevole.

Se lui è un principe e lei una pastora, e voi dite: fra innamorati non sussiste nessuna differenza, solo i pregiudizi ergono barriere davanti a loro.

Non è molto ragionevole.

Se impiegate tutti i vostri minuti e le vostre ore a dirvi: ti amo, e a scoprire il gusto delle vostre bocche, non restandovi più tempo da spendere per dirvi chi siete, che cosa fate e quali strade avete in mente da prendere.

Non è molto ragionevole.

Se voi pesate, misurate, calcolate già quello che vi date l’un l’altro, e se facendo i vostri conti litigate perchè pensate che non sono giusti, che uno dà di meno e l’altro di più.

Non è molto ragionevole.

Se l’uno e l’altro vi truccate, vi coprite di maschere per rappresentare, con lo scopo di piacere di più, i personaggi che amate.

Non è molto ragionevole.

Se le vostre idee, le vostre convinzioni divergono in tutto, e l’uno e l’altro pensate: lo convincerò, lo convertirò.

Non è molto ragionevole.

Se dite: sperimentiamo l’armonia dei nostri corpi, verifichiamo se sono adatti al piacere, dimenticando che i vostri corpi sono intercambiabili e che possono fornire questo piacere d’occasione senza offrire amore.

Non è molto ragionevole.

Se i vostri genitori e tutti i vostri amici vi dicono: pensiamo che non è la strada giusta, e voi, gridando: che importa, ci amiamo!abbandonate le loro mani e partite da soli rompendo i ponti.

Non è molto ragionevole.

Prima domenica dopo Pasqua: festa della Divina Misericordia

Standard

Il disegno essenziale di questo quadro è stato mostrato a suor Faustina nella visione del 22 febbraio 1931 nella cella del convento di Płock. La sera, stando nella mia cella – scrive suor Faustina – vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una mano alzata per benedire mentre l’altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l’uno e l’altro pallido (…) Dopo un istante, Gesù mi disse, Dipingi un’immagine secondo il modello che vedi, con sotto scritto: Gesù confido in Te” (Q. I, p. 26). Tre anni dopo a Vilnius Gesù ha spiegato il significato dei raggi: “I due raggi rappresentano il Sangue e l’Acqua” (Q. I, p. 132). Non si tratta qui di un qualche effetto artistico, ma di una simbologia del quadro estremamente profonda.

Gesù ha definito un altro particolare di questo quadro, ha detto infatti: “Il Mio sguardo da questa immagine è tale e quale al Mio sguardo dalla croce” (Q. I, p. 140). La questione dello sguardo non è dunque senza importanza, se lo stesso Gesù mette l’accento su di essa, dando un significato a questo particolare. E qui incontriamo una doppia interpretazione di questo desiderio di Gesù: alcuni – e tra loro don Sopocko – leggono queste parole in modo realistico e dicono che lo sguardo deve essere diretto in basso come dall’alto della croce; altri credono, che si tratti dello sguardo che esprime la misericordia (tra loro padre J. Andrasz, il secondo direttore spirituale di suor Faustina). A seconda di questa interpretazione sono sorte – si può dire – due “scuole” di rappresentazione dell’immagine del Gesù Misericordioso: una ha il suo modello nel dipinto di E. Kazimirowski, mentre la seconda nel dipinto di A. Hyla, del santuario della Divina Misericordia a Cracovia.

Quale è il significato di questo quadro?

Il cosiddetto “luogo teologico” è stato indicato dallo stesso Gesù, legando la benedizione del quadro e la sua pubblica venerazione alla liturgia della prima domenica dopo Pasqua. La Chiesa legge in quel giorno il Vangelo sull’apparizione di Gesù risorto nel Cenacolo e sull’istituzione del sacramento della penitenza (Gv 20, 19-29).

A questa scena del Cenacolo si sovrappone l’avvenimento del Venerdì Santo: la crocifissione e la trafittura del Cuore di Gesù con la lancia. “Entrambi i raggi uscirono dall’intimo della Mia misericordia, quando sulla croce il Mio Cuore, già in agonia, venne squarciato con la lancia” (Q. I, p. 132). Di questo scrive san Giovanni nel 19° capitolo del Vangelo. Gesù ha spiegato poi che “il raggio pallido rappresenta l’Acqua che giustifica le anime; il raggio rosso rappresenta il Sangue che è la vita delle anime” (Q. I, p. 132). San Tommaso, riferendosi ai Padri della Chiesa, unisce la simbologia dell’acqua e del Sangue con il sacramento del battesimo e con l’Eucarestia, cosa che può essere riferita anche agli altri sacramenti. “Alla luce del Vangelo di Giovanni – scrive don I. Rozycki – l’acqua e il sangue (…) stanno a significare le grazie dello Spirito Santo, che ci sono state donate per la morte di Cristo. I due raggi rappresentati sul dipinto di Gesù Misericordioso possiedono questo stesso profondo significato” (R., p. 20).

L’immagine del Gesù Misericordioso spesso viene identificata come quella della Divina Misericordia e giustamente poiché‚ nella passione, morte e risurrezione di Cristo la misericordia di Dio verso l’uomo si è rivelata con totale pienezza.

In cosa consiste il culto dell’immagine della Divina Misericordia?

L’immagine occupa una posizione chiave in tutta la devozione alla Divina Misericordia, poiché‚ costituisce una visibile sintesi degli elementi essenziali di questa devozione: esso ricorda l’essenza del culto, l’infinita fiducia nel buon Dio e il dovere della carità misericordiosa verso il prossimo. Della fiducia parla chiaramente l’atto che si trova nella parte bassa del quadro:“Gesù, confido in Te”. L’immagine che rappresenta la misericordia di Dio deve essere per chiara volontà di Gesù un segno che ricordi l’essenziale dovere cristiano, cioè l’attiva carità verso il prossimo. “Essa deve ricordare le esigenze della Mia misericordia, poiché‚ anche la fede più forte non serve a nulla senza le opere” (Q. II, p. 278). La venerazione del quadro dunque consiste nell’unione di una orazione fiduciosa con la pratica di atti di misericordia.

E’ la più importante di tutte le forme di devozione alla Divina Misericordia. Gesù parlò per la prima volta del desiderio di istituire questa festa a suor Faustina a P*ock nel 1931, quando le trasmetteva la sua volontà per quanto riguardava il quadro: “Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l’immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia” (Q. I, p. 27).

Negli anni successivi – secondo gli studi di don I. Rozycki – Gesù è ritornato a fare questa richiesta addirittura in 14 apparizioni definendo con precisione il giorno della festa nel calendario liturgico della Chiesa, la causa e lo scopo della sua istituzione, il modo di prepararla e di celebrarla come pure le grazie ad essa legate.

La scelta della prima domenica dopo Pasqua ha un suo profondo senso teologico: indica lo stretto legame tra il mistero pasquale della Redenzione e la festa della Misericordia, cosa che ha notato anche suor Faustina: “Ora vedo che l’opera della Redenzione è collegata con l’opera della Misericordia richiesta dal Signore” (Q. I, p. 46). Questo legame è sottolineato ulteriormente dalla novena che precede la festa e che inizia il Venerdì Santo.

Gesù ha spiegato la ragione per cui ha chiesto l’istituzione della festa: “Le anime periscono, nonostante la Mia dolorosa Passione (…). Se non adoreranno la Mia misericordia, periranno per sempre” (Q. II, p. 345).